Periodo successivo all’intervento

In generale, l’intervento non ha alcuna influenza negativa sulle gravidanze successive. Dopo il trattamento riceverà degli antibiotici contro le infezioni. Fisicamente si sentirà di nuovo bene rapidamente. Per qualche giorno, tuttavia, potrebbe sentire il seno teso, perdere sangue o avere dolori addominali. Se necessario, potrà assumere un analgesico, come Advil, Ibuprofene o Aleve.

 

La mestruazione successiva sarà circa 4 - 6 settimane dopo l’aborto.

 

Se dopo l’intervento il seno è teso e dolorante o si in presenza di montata lattea, si consiglia di indossare un reggiseno stretto e soprattutto di evitare di massaggiare i seni. Anche le compresse di ghiaccio possono alleviare il dolore. Eventualmente, se ha dolore può assumere del Paracetamolo. L’eventuale montata lattea può essere inibita. Non prescriviamo questi farmaci in modo automatico per via degli effetti collaterali. A questo scopo può rivolgersi al suo medico.

 

Le prime due settimane dopo l’intervento non dovrà utilizzare assorbenti interni e non dovrà nuotare, fare il bagno e avere rapporti sessuali.


Talvolta, per alcuni giorni o alcune settimane potrebbe avere reazioni emotive causate dai cambiamenti ormonali. Se ha problemi a elaborare l'interruzione di gravidanza, saremo lieti di aiutarla a trovare un supporto psicologico adatto.

 

Tre settimane dopo l’intervento dovrà venire in clinica per un controllo. Potrà anche rivolgersi al suo medico. Se si rivolge al suo medico, tre settimane dopo l'intervento le chiediamo di compilare un modulo di valutazione e di restituircelo. Cliccare qui per reperire il modulo di valutazione.